Vai al contenuto

Long Covid: cos’è, sintomi, cura e riabilitazione

Long covid

Long Covid Si sente spesso parlare di Long Covid, ma cos’è esattamente? Quali sono i sintomi, chi ne è più colpito, quale la durata, come curarsi e fare una riabilitazione adatta? Tutte domande che circolano sul web su tematiche che sono in fase di osservazione e attento studio. L’Istituto Superiore di Sanità risponde e vogliamo condividere in questo articolo risposte specifiche che possano essere di supporto a te e alla tua famiglia se state affrontando questa fase post Covid.

Long Covid cos’è

Molto sinteticamente, qual è il significato di Long Covid? Si tratta una condizione in cui i sintomi persistono a lungo, anche per settimane o mesi, dopo che il paziente ha avuto un’infezione da SARS-CoV-2. Quando i sintomi continuano o addirittura si sviluppano nelle 4-12 settimane successive all’infezione, si tratta di malattia CoViD-19 sintomatica persistente che diventa Sindrome post CoVid quando supera i 3 mesi. In entrambi i casi si parla di Long Covid.

Dato che il quadro clinico varia a seconda del soggetto, purtroppo a volte parte della sintomatologia non viene collegata direttamente all’infezione da SARS-CoV-2.

Long Covid sintomi

Dal momento del primo caso di diffusione nel dicembre 2019, le manifestazioni cliniche sono mutate notevolmente, sia a causa della diffusione della trasmissione che delle numerosi varianti che sono sorte. Se inizialmente il Covid -19 coinvolgeva maggiormente le basse vie respiratorie, con l’arrivo della variante Omicron la sintomatologia è molto più simile a quella di un raffreddore. Che dire quindi dei sintomi generali di Long Covid? Ecco i principali.

Long Covid sintomi generali

Ecco un elenco dei principali sintomi generali di Long Covid osservati su adulti e bambini, anche se successivamente approfondiremo la sintomatologia riscontrata nei più piccoli e negli adolescenti.

  • astenia persistente (stanchezza, debolezza, affaticamento);
  • anoressia;
  • febbre costante;
  • debolezza muscolare e dolori articolari;
  • diminuzione dell’appetito;
  • diminuzione dello stato generale di qualità della vita.

Anche se la sintomatologia presenta delle somiglianze con quella della Sindrome da fatica cronica, nel primo caso il raggio di sintomi che si manifestano contemporaneamente sembrano essere maggiori.

Sintomi specifici

Ecco cosa possono includere i sintomi specifici:

  • problemi dell’apparato respiratorio: ad esempio tosse da Long Covid, dispnea, ridotta capacità polmonare;
  • disturbi cardiovascolari: tachicardia, oscillazioni e modifiche della pressione del sangue, palpitazioni e aritmie;
  • problemi del sistema nervoso: attacchi più frequenti di cefalea, forti difficoltà di concentrazione, perdita di memoria, maggiori difficoltà nelle attività pratiche in soggetti con deficit cognitivi;
  • alterazioni a livello dermatologico: frequenti casi di eritemi da geloni ed eruzioni cutanee, recidive psoriasi e caduta dei capelli;
  • disfunzioni dell’olfatto, dell’udito e del gusto: dolori all’orecchio e acufeni, mal di gola, sapore diverso dei cibi;
  • problemi gastrointestinali: nausea, vomito, reflusso gastroesofageo, diarrea, gonfiore;
  • problematiche a livello ematologico: in casi rari, malattia tromboembolica venosa;
  • disturbi emotivi e psicologici: depressione, eccessiva tristezza ed irritabilità, ansia, stress post traumatico, disagio cronico;
  • problemi endocrinologici: diagnosi di diabete o tiroidite (nuova insorgenza).

Cause

long covid sintomi

Anche se tutti coloro che possiedono già alcuni fattori di rischio come soggetti obesi, fumatori, chi soffre di diabete o pressione alta, hanno maggiori probabilità di sviluppare un decorso più grave post Covid-19, non possiamo dire che sia la regola. Infatti, qualsiasi tipologia di paziente che ha avuto il virus SARS-CoV-2 può sviluppare il Long Covid.

La speranza è che fasi ulteriori di ricerca e osservazione possano far emergere più chiaramente le ragioni alla base della sintomatologia. Quest’ultima potrebbe comprendere una risposta infiammatoria come un danno a un organo o un’autoimmunità persistente.

Numerose ricerche hanno dimostrato che SARS-CoV-2 può anche causare direttamente danni ad alcuni organi vitali come cuore, polmoni, fegato, reni e al sistema nervoso. Non vengono esclusi anche peggioramenti della salute mentale in soggetti già predisposti.

Dato che i sintomi sono così diversi tra loro, spesso alcuni non vengono riconosciuti e associati inizialmente ad altre patologie.

Chi è maggiormente colpito da Long Covid?

Anche la risposta a questa domanda è difficile da dare con certezza, anche se in percentuale sono le donne, i soggetti obesi o in sovrappeso e le persone che sono state ricoverate per Covid ad esserne colpiti più frequentemente.

Long Covid quanto dura?

La durata del Long Covid è varia e può andare dalle poche settimane ad alcuni mesi. Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), anche se le ricerche sono attualmente in corso, in alcuni casi hanno raggiunto anche i 9 mesi. Ci sono alcuni specifici sintomi che si presentano dopo circa 3 mesi dalla fase acuta del virus e durano anche due mesi, senza essere associabili ad altre diagnosi.

Long Covid bambini

I bambini, purtroppo, non vengono risparmiati dal Long Covid e i sintomi possono includere:

  • stanchezza cronica;
  • mal di testa costante;
  • difficoltà di concentrazione;
  • dolore allo stomaco;
  • diarrea;
  • disturbi del sonno;
  • dolore al petto persistente;
  • palpitazioni;
  • lesioni cutanee.

Come nel caso dei soggetti adulti, i sintomi variano da bambino a bambino, anche se uno dei più comuni percentualmente è l’affaticamento. I sintomi possono manifestarsi individualmente o contemporaneamente e possono essere brevi o intermittenti, cambiare nel tempo o rimanere invariati.

La Società Italiana di Pediatria ha raccomandato recentemente ai genitori di sottoporre i propri figli che hanno avuto il Covid, anche in fase adolescenziale, a sottoporsi a test della coagulazione per verificare l’emostasi circa un mese dopo dalla fase acuta dell’infezione. Anche a distanza di circa 3 mesi, sarebbe buona norma sottoporre il bambino o il ragazzo a degli esami per verificare la salute del ragazzo e che non ci siano problematiche emergenti.

Long Covid riabilitazione e cura

Long Covid bambini

Molte persone digitano sui motori di ricerca “Long Covid riabilitazione” o “cura del Long Covid” sperando di trovare delle indicazioni specifiche e valide in ogni caso. Purtroppo dobbiamo dirti che non è così, è necessario un approccio personalizzato basato sulle specifiche condizioni di salute del paziente e sui suoi sintomi. Dopo aver fatto un’attenta analisi, il medico curante potrebbe prescrivere dei farmaci adatti piuttosto che degli esercizi di respirazione e fisioterapia.

Assolutamente importante è segnalare al proprio medico la presenza di qualsiasi tipologia di sintomo, dato che potrebbe essere fondamentale sottoporsi a test ed esami più specifici per verificare lo stato dei polmoni e circolazione sanguigna.

Alimentazione

Anche per quanto riguarda l’alimentazione, non esiste al momento un regime dietetico raccomandato per la cura del Long Covid. Ad ogni modo, la comunità scientifica è piuttosto sicura che una dieta equilibrata possa essere un valido supporto per la ripresa del proprio organismo. Dovrebbe includere il giusto apporto di macronutrienti, vitamine e sali minerali.

Sempre sotto indicazione del medico curante, potrebbe essere necessario integrare la propria dieta con degli integratori multivitaminici (vitamina C, D, B) a seconda delle specifiche esigenze del paziente.

Riabilitazione Long Covid ultimi consigli

Oltre ad un’alimentazione equilibrata e corretta, è molto importante prendersi cura della propria salute mentale. Ecco alcuni consigli pratici e utili da seguire, sia per gli adulti che per i bambini e ragazzi:

  • sii ragionevole in ciò che pretendi da te stesso e non esagerare con gli impegni in questa fase di ripresa;
  • organizzati la giornata in modo da avere dei momenti di pausa tra un compito e l’altro;
  • se hai più energia nelle prime ore del mattino, organizza la giornata tenendo conto di questo;
  • non sostituire le scale con l’ascensore anche se ci metti più tempo ed è faticoso. I muscoli devono continuare ad allenarsi, come i tuoi polmoni del resto;
  • ritaglia del tempo per della sana e adeguata attività fisica, se possibile iniziando con delle passeggiate all’aria aperta;
  • coltiva con cura i rapporti con familiari e amici;
  • cerca di sostituire pensieri negativi con pensieri positivi, scrivendoli anche su notes adesivi da attaccare al frigorifero;
  • se necessario, prendi appunti per ricordarti appuntamenti e altre faccende importanti.

Indice: Long Covid: cos’è, sintomi, cura e riabilitazione

Argomento: Long Covid: cos’è, sintomi, cura e riabilitazione

  • sintomi del Long Covid
  • Long Covid adulti
  • cos'è il Long Covid
  • Long Covid significato
  • Long Covid bambini

Correlati: Long Covid: cos’è, sintomi, cura e riabilitazione

Vuoi ricevere le novità del settore?
Per maggiori informazioni sul trattamento dati personali ti invitiamo a consultare la nostra Privacy.