Yersinia pestis: Come si Trasmette la Peste?

Yersinia pestis – Cos’è la Peste?

I batteri che causano la peste, Yersinia pestis, mantengono la loro esistenza in un ciclo che coinvolge principalmente i roditori e le loro pulci. La peste si verifica nelle aree rurali e semi rurali, principalmente nelle foreste e nelle praterie montane semiaride, dove possono essere avvistati molti tipi di specie di roditori. Molti tipi di roditori, come scoiattoli, topi e ratti, cani della prateria, arvicole e conigli sono stati accusati per molto tempo di essere i principali vettori della peste. Tuttavia, si è successivamente scoperto che i veri portatori di peste non erano i roditori, bensì i loro insidiosi parassiti: le pulci dei topi. I roditori possono dunque essere colpiti dalla peste proprio come gli uomini.
Leggi anche: Peste sintomi e conseguenze?
I carnivori selvatici possono essere infettati mangiando altri animali infetti. Gli scienziati pensano che i batteri della peste circolino a bassi tassi all’interno delle popolazioni di alcuni roditori senza causare un’eccessiva moria di roditori. Questi animali infetti e le loro pulci fungono da serbatoi a lungo termine per i batteri. Questo è chiamato il ciclo enzootico. Occasionalmente, altre specie si infettano, causando un’epidemia tra gli animali, chiamata epizootica. Gli esseri umani sono di solito più a rischio durante, o poco dopo, un’epizoozia di peste. Studi scientifici hanno suggerito che le epizoozie negli Stati Uniti sudoccidentali sono più probabili durante le estati più fresche che seguono gli inverni umidi. Le epizoozie sono più probabili in aree con più tipi di roditori che vivono in densità elevate e in habitat diversi. In alcune parti del mondo in via di sviluppo, la peste può talvolta verificarsi nelle aree urbane con fitte infestazioni di ratti. L’ultima epidemia urbana di peste associata alle pulci dei ratti, è avvenuta tra il 1924 ed 1925, negli Stati Uniti a Los Angeles.

Yersinia pestis: Come si Trasmette la Peste?

I batteri della peste possono essere trasmessi all’uomo nei seguenti modi: Morsi di pulci. I batteri della peste sono più spesso trasmessi dal morso di una pulce infetta. Durante le epizoozie di peste, molti roditori muoiono, costringendo le pulci affamate a cercare altre fonti di sangue. Le persone e gli animali che visitano i luoghi in cui i roditori sono morti di recente a causa della peste sono a rischio di essere infettati dai morsi delle pulci. Cani e gatti possono anche portare in casa pulci infette dalla peste. L’esposizione al morso di pulce può provocare la peste bubbonica primaria o la peste setticemica.

Come si Trasmette la Peste all’Uomo?

Gli esseri umani possono essere infettati quando maneggiano tessuti o fluidi corporei di un animale infetto dalla peste. Ad esempio, un cacciatore che scuoia un coniglio o un altro animale infetto senza usare le dovute precauzioni potrebbe essere infettato dai batteri della peste. Questa forma di esposizione provoca più comunemente la peste bubbonica o la peste setticemica. Goccioline infettive. Quando una persona ha la polmonite da peste, può tossire nell’aria goccioline contenenti i batteri della peste. Se queste goccioline contenenti batteri vengono respirate da un’altra persona, possono causare la peste polmonare. Come abbiamo accennato sopra, la trasmissione della peste necessità di un contatto diretto e ravvicinato con la persona affetta da peste polmonare. La trasmissione di queste goccioline è l’unico modo in cui la peste può diffondersi tra le persone. Questo tipo di diffusione non è stato documentato negli Stati Uniti dal 1924, ma si verifica ancora con una certa frequenza nei paesi del terzo mondo o in via di sviluppo. I gatti sono particolarmente sensibili alla peste e possono essere infettati mangiando, o entrando in contatto, con roditori infetti. I gatti malati corrono il rischio di trasmettere goccioline di peste infettiva ai loro proprietari o ai veterinari. Diversi casi di peste umana si sono verificati negli Stati Uniti negli ultimi decenni a causa del contatto con gatti infetti.