ringiovanimento vaginale

Sicuramente, il trascorrere degli anni, colpisce indistintamente tutto il nostro corpo, anche la vagina.

A partire dai 35 anni, specialmente con l’arrivo della menopausa, la donna, può iniziare a notare come nella zona delle grandi labbra, perde parte del suo turgore, fenomeno del tutto normale, che può colpire anche le piccole labbra. 

Inoltre, le donne che sono diventate mamme, soprattutto se più di una volta, possono affrontare, anche subito dopo la gravidanza, questo tipo di problema, proprio dovuto al forte stress e sforzo fisico.

Il modo in cui percepiamo il nostro corpo riguarda molto il nostro benessere psicologico ed è normale che le donne che hanno riscontrato questo tipo di problema nella zona vaginale, non si sentano più così sicure di sé e possano iniziare a comparire le prime avvisaglie di disagio e rifiuto nelle relazioni intime. 

Quindi, non si tratta unicamente di una questione estetica, come potrebbe essere per le rughe facciali, il problema principale della flaccidezza vaginale è la riduzione delle sensazioni dell’amplesso, la difficoltà della donna a portare avanti una relazione sessuale e la conseguente depressione.

Ma esistono tecniche per risolvere il problema? Assolutamente si!

Grazie a specifiche tecniche di radiofrequenza, ci sarà un vero e proprio ringiovanimento vaginale, che non migliorerà soltanto l’aspetto delle grandi e piccole labbra, ma aiuterà anche a recuperare la fiducia in se stesse e la sensazione di piacere nella zona del clitoride, migliorando così la vita sessuale.

Radiofrequenza vaginale: di cosa si tratta?

radiofrequenza vaginale

Il trattamento implica l’applicazione di radiofrequenza nella zona vaginale, dopo aver applicato un gel trasduttore.

Ovviamente, questa è la tecnica spiegata in modo tecnico, ma in cosa consiste?

Si utilizzerà un semplice applicatore, con una forma disegnata appositamente per questa specifica zona del corpo, a radiofrequenza direttamente sulla vagina.

La paziente, durante il trattamento, non avvertirà nessun fastidio, ma soltanto l’aumento della temperatura sui tessuti. 

È proprio l’aumento di temperatura, grazie all’emissione di onde elettromagnetiche, che sarà in grado di riattivare il metabolismo dei fibroblasti e quindi la conseguente produzione naturale di elastina e collagene della pelle. 

La zona maggiormente da trattare sarà quella delle grandi labbra, in cui si produrranno due effetti: da un lato, la contrazione immediata della pelle nella zona in cui è stata trattata e dall’altro un rimodellamento del collagene a lungo termine, migliorando la mollezza. 

Le sedute hanno una durata dai 15 ai 30 minuti e solitamente ne servono 4 per un trattamento con intervalli di 10 giorni, per raggiungere i risultati sperati. 

Anche se sicuramente il trattamento produce effetti duraturi, non potrà essere definitivo, perché inevitabilmente il processo di invecchiamento non si può bloccare; proprio per questo, si raccomanda di sottoporsi a una seduta di mantenimento ogni anno.

A differenza di altri trattamenti però, quello a radiofrequenza, non comporta alcun tipo di effetto secondario alla paziente, che potrà tornare alla sua vita normale, non appena uscita dalla clinica. 

Esiste una sola precauzione da seguire: evitare rapporti sessuali per via vaginale, nei 7 giorni successivi al trattamento.

Ringiovanimento vulvare: indicazioni e risultati

Come detto in precedenza, insieme alla pelle di viso e corpo, anche i tessuti e le mucose urogenitali risentono degli anni che passano. 

La carenza ormonale, dovuta nella maggior parte dei casi alla menopausa, genera una vera e propria atrofia vulvo vaginale, in oltre il 50% delle donne, con il conseguente invecchiamento vaginale.

Questo tipo di fenomeno però, può verificarsi anche in giovani donne, durante lunghi periodi di amenorrea o in donne che hanno una o più gravidanze

Le conseguenze sono le stesse, senso di secchezza e di bruciore, piccole perdite di urina dopo uno starnuto o un colpo di tosse e cistiti più frequenti. I disturbi maggiori si verificano durante l’attività sessuale. Anche con l’aiuto dei lubrificanti per molte donne la penetrazione è dolorosa e il rapporto sessuale in sé diventa fonte di disagio psichico oltre che fisico.

Ma ecco che esiste il trattamento in radiofrequenza, di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente; ma cerchiamo adesso di capire a chi è rivolto e quali sono i risultati.

Sicuramente, la radiofrequenza è dedicata a quelle donne che vogliono rimodellare le grandi e piccole labbra, ridurre le asimmetrie e migliorare la mollezza delle labbra genitali. 

Si può realizzare su donne che non hanno altre patologie a livello genitale; infatti, nelle donne che hanno partorito, sarà necessario aspettare 6 mesi dalla data del parto.

Il ringiovanimento, attraverso questa tecnica, ottiene ottimi risultati pur non essendo particolarmente invasivo.

Il calore, riesce a produrre collagene reticolare di tipo 3, con un conseguente miglioramento della tenuta dei legamenti del pavimento pelvico e scomparsa dell’incontinenza urinaria e dei vari tipi di prolasso vaginale.

Inoltre, aiuta anche a migliorare la lubrificazione vaginale e, a differenza dei laser, induce anche la formazione di elastina con miglioramente dell’elasticità.

Con questi risultati, ci sarà anche un miglioramento sensibile della vita sessuale.

Inoltre, la radiofrequenza è compatibile anche con altre tecniche, come ad esempio le infiltrazioni di riempimento di acido ialuronico o di grasso.

Importante: pur se non invasiva, si tratta comunque di un trattamento estetico in una zona delicata, quindi, dovrà essere sempre effettuato solo da specialisti.