Vai al contenuto

Anginofobia come guarire

anginofobia come guarire

Anginofobia come guarire e quali sono i migliori rimedi sono gli argomenti che ti illustreremo, oltre a indicarti le cause e i sintomi di questa paura profonda. Ne hai già sentito parlare? Come indica il nome stesso, “fobia” e “angina” si riferiscono alla paura del soffocamento e dello strangolamento.

Chi ne soffre, spesso, ha una paura estrema di provare questa sensazione o dolore, essendo privato dell’ossigeno respirare per necessarie. Le cause profonde vanno spesso ricercate nel proprio rapporto con il cibo o traumi vissuti in passato, ma di questo ne parleremo tra poco. Se vuoi conoscere come guarire dall’anginofobia vogliamo rassicurati del fatto che ormai esistono molti rimedi efficaci, anche nel caso in cui a soffrirne sia il tuo bambino. Ti spiegheremo anche, laddove questo fosse il tuo caso, come seguirlo in questo percorso di guarigione dall’anginofobia.

 

anginofobia come guarire

Anginofobia come guarire andando alla radice del problema

Prima di parlare di anginofobia e come guarire, è importante che tu abbia un quadro completo delle cause che potrebbero nascondersi dietro il problema, o meglio, dietro questa paura. Andare alla radice permette meglio di capire quale sia il trattamento migliore per ogni caso specifico.

Anginofobia cause

Comunemente, si tende ad associare in tema di anginofobia cause e traumi subiti in giovane età. Si pensa che chi ha questa fobia probabilmente abbia corso almeno una volta nella vita il rischio di soffocare mangiando o che abbia visto qualcuno in questa situazione. Questa immagine ricorrente nella mente del soggetto avrebbe fatto crescere inconsciamente una serie di paure diventate fobia.

Non sappiamo se questo sia quello che è successo anche a te, ma in ogni caso non sarebbe la causa profonda all’origine dell’anginofobia. Sarebbe un innesco. Ecco perché in questi casi chiedere supporto della psicoanalisi per l’anginofobia sarebbe di aiuto.

Ad ogni modo, potresti avere una tendenza allo sviluppo di questa fobia anche laddove sussistano queste condizioni:

  • hai subito degli episodi di anafilassi, ossia delle gravi reazioni allergiche con relativo soffocamento;
  • soffri di malattie coronariche o ipertensione;
  • fai molta difficoltà a deglutire (disfagia);
  • nella tua famiglia qualcuno soffre di problemi cardiaci e/o ha subito un attacco di cuore;
  • hai perso una persona cara proprio per un problema cardiaco, respiratorio o soffocamento;
  • ti è capitato di soffocarti con il cibo o ingerendo delle medicine;
  • spesso vivi un senso di soffocamento causato dall’asma.

Anginofobia sintomi e conseguenze

Quali sono i sintomi di anginofobia e quali le conseguenze nella vita di ogni giorno di chi ne soffre? Spesso questa fobia induce un soggetto a limitare di molto il cibo ingerito e questo si traduce spesso nella presenza di gravi carenze nutrizionali e perdita di peso.

Ecco altri probabili sintomi e conseguenze:

  • indebolimento delle ossa, oltre che delle unghie e dei capelli;
  • anemia;
  • debolezza cronica;
  • apatia;
  • affaticamento;
  • diminuzione della massa muscolare;
  • difficoltà di concentrazione;
  • perdita della memoria;
  • sbalzi d’umore;
  • vertigini e brividi;
  • ipotermia;
  • eccesso di sudorazione;
  • palpitazioni cardiache;
  • nausea;
  • indigestione (mal di stomaco).

anginofobia come guarire

Quali altre fobie sono associate all’anginofobia?

Oltre alle conseguenze sullo stato di salute fisica dell’anginofobico, potrebbero scatenarsi contemporaneamente altre fobie strettamente collegate. Alcune sono le seguenti:

  • Farmacofobia: paura di assumere i farmaci;
  • Cibofobia: paura di assumere cibo o bibite;
  • Cardiofobia: paura di poter subire un attacco di cuore;
  • Fagofobia: timore di deglutire;
  • Pseudodisfagia: timore del soffocamento;
  • Nosofobia: paura morbosa delle malattie.

Diagnosi

Non esiste un esame o un test specifico per diagnosticare l’anginofobia. Rivolgerti a uno psicologo permette di analizzare la presenza dei sintomi e delle conseguenze elencate prima e di fare una diagnosi precisa.

In ogni caso, il soggetto dovrebbe aver osservato almeno alcuni sintomi nell’arco degli ultimi 6 mesi e avere delle reazioni immediate appeno pensa al soffocamento. Se il problema sussiste, la persona potrebbe già aver subito dei cambiamenti nella sua routine quotidiana e la fobia influenzato la sua capacità di lavorare e la sua vita sociale.

Anginofobia soluzione

La soluzione all’anginofobia ha un primo step: riconoscere di aver bisogno di rivolgersi ad un medico. Fallo immediatamente se hai uno dei seguenti sintomi:

  • perdita di peso progressiva dovuta a difficoltà sia a mangiare che a deglutire;
  • attacchi di panico;
  • segnali di depressione;
  • forte ansia che influenza l’attività lavorativa e la routine quotidiana.

Inoltre, sentiti libero di rivolgerli queste domande:

  • quali sono le cause dell’anginofobia nel mio caso specifico?
  • quali i rimedi o il miglior trattamento per me?
  • per quanto tempo dovrò affrontare la cura per l’anginofobia?
  • nel mio caso è adatta la cura farmacologica?

Chi cura l’anginofobia?

Lo psicologo cura l’anginofobia in quanto va a fondo, alle radici del problema e studia delle strategie che possano fermare il meccanismo che dà vita al problema.

Anginofobia come guarire definitivamente

Ci sono diversi trattamenti e tecniche che possono aiutare ad uscire dal tunnel di questa fobia, infatti ora ti spiegheremo proprio questo, come guarire dall’anginofobia. Le terapie che ti indicheremo ora possono intervenire significativamente sui sintomi, aiutandoti a riprenderti in mano la tua vita, se soffri di questa fobia.

  • Terapia cognitivo comportamentale: per correggere il modo di pensare e le proprie reazioni;
  • Terapia di esposizione: in questa terapia si espone frequentemente il soggetto anginofobico a situazioni che possono indurre la sintomatologia. Viene educato all’argomento e pian piano desensibilizzato alla paura specifica;
  • Terapia comportamentale dialettica: tramite questa terapia si ha l’obiettivo di aiutare la persona ad accettare le proprie reazioni e a prevenire le proprie paure.

anginofobia come guarire

Anginofobia cura farmacologica

Parlando di anginofobia e cura farmacologica ci sono molti pareri contrastanti. Naturalmente sarà il medico specializzato a individuare quale sia il miglior trattamento e più efficace in base alle diverse caratteristiche del paziente. Solitamente i farmaci in questione sono ansiolitici e antidepressivi, come Paxil, Lexapro, Xanax e Valium.

Intervengono su buona parte della sintomatologia inclusi gli attacchi di panico, sarà il medico a prescrivere dosi, ogni quanto assumerli e per quanto tempo.

Anginofobia esercizi

Esiste una relazione tra anginofobia ed esercizi? Assolutamente sì, infatti è risaputo quando una sana attività fisica possa avere un ruolo importante nel combattere i disturbi d’ansia e stress. L’esercizio per anginofobia di tipo cardiovascolare è perfetto per scaricare lo stress e rilasciare endorfine positive per il cervello.

Se tu sei sedentario, tu come il tuo bambino se è lui che soffre di anginofobia, sforzati di fare degli esercizi aerobici perché possono aiutarti notevolmente ad alleviare i sintomi legati all’ansia e allo stress dovuti a questo problema. Di quali esercizi stiamo parlando? Nuoto, sci, come andare in bici, camminare e correre. Anche praticare sport come calcio, tennis e basket può essere molto di aiuto.

Anginofobia nei bambini rimedi

Nel caso di anginofobia nei bambini quali sono i rimedi? Ecco alcuni consigli pratici per i genitori:

  • c’è bisogno di mantenere la calma, anche davanti al rifiuto del bambino di mangiare per paura di soffocare;
  • non costringere il bambino a mangiare e rendi il pasto un momento rilassato, di unione con la famiglia;
  • mostra comprensione e sostegno al bambino, rassicurandolo del fatto che voi siete vicini e non permetterete che accada nulla;
  • assicurati che il pasto non duri troppo a lungo, altrimenti il bambino potrebbe accumulare troppo stress. Meglio pasti più frequenti e porzioni più piccole.

Se nonostante gli sforzi di tutta la famiglia non sono evidenti dei miglioramenti, rivolgiti al più presto ad uno psicologo che possa intervenire con una psicoterapia specifica.

Come aiutare chi soffre di anginofobia

Spesso, capire come aiutare chi soffre di anginofobia richiede un supporto dallo psicoterapeuta, utile per tutta la famiglia o comunque per chi convive insieme a lui. Ecco, ad ogni modo, alcune regole utili:

  • quando sei a tavola, cerca di non guardare nel piatto di chi ne soffre ed evita di parlare spesso del problema;
  • non fare forzature, lascia che sia chi soffre a liberarsi delle sue emozioni nel momento giusto per lui;
  • sforzati di essere il più possibile paziente, tenendo a mente che la soluzione all’anginofobia richiede tempo ed è caratterizzata da alti e bassi anche umorali;
  • organizza della attività che possano essere delle valvole di sfogo per l’anginofobico, distraendolo dalle sue fobie;
  • non costringere o assillare il soggetto che soffre di anginofobia a seguire un percorso terapeutico piuttosto che l’altro.

Indice: Anginofobia come guarire

Argomento: Anginofobia come guarire

  • anginofobia esercizi
  • anginofobia soluzione
  • anginofobia
  • anginofobia come guarire
  • anginofobia cause

Correlati: Anginofobia come guarire

Vuoi ricevere le novità del settore?
Per maggiori informazioni sul trattamento dati personali ti invitiamo a consultare la nostra Privacy.