Bacche di Goji, il frutto della longevità

Bacche di goji

Goji in cinese significa bacca. La sua denominazione secondo la medicina cinese è frutto di Licia, perché vede le sue origini in questa regione meridionale della Turchia ed era considerato come un frutto della longevità. Oggi le bacche di Goji sono diventate molto popolare anche nel mondo occidentale per le loro proprietà e i loro benefici. Ma quanto sai delle bacche di Goji?

Che cosa sono le bacche di Goji

Sono il frutto di un arbusto che nasce in modo naturale in Asia, specialmente sugli alti rilievi del Tibet, della Cina e della Mongolia. Questo arbusto è caratterizzato da fiori con petali color lavanda e lilla chiaro che fioriscono da giugno a settembre. La maturazione del frutto avviene gradualmente tra agosto e ottobre in funzione del clima e della regione dove è coltivata la pianta. Questi piccoli frutti assomigliano un po’ ad una ciliegia, ma con una forma allungata e di colore rosso arancio. La raccolta è manuale, perché questi frutti sono particolarmente delicati. Se ti chiedi qual è il sapore delle bacche di Goji potremmo dire che sia una combinazione di sapore tra mirtilli, uva passa, lamponi e fragole con un retrogusto dolce-amaro.

Dove si comprano e come sceglierle

Ormai questo piccolo frutto asiatico ha spopolato nell’occidente e si può reperire un po’ dappertutto. Lo troverai in erboristeria e in farmacia, ma anche nei negozi di prodotti biologici, nonché nei supermercati.

La difficoltà non risiede tanto nel reperirli, quanto nel decidere quali sono le migliori bacche di Goji. Essendo una bacca delicata, il primo accorgimento da avere riguarda il confezionamento. I micronutrienti sono molto sensibili alla luce e all’umidità quindi involucri trasparenti o di cartone possono creare ossidazione e danneggiare le proprietà antiossidanti del prodotto.

Un altro fattore di cui tener conto è la provenienza. La miglior qualità rimane quella prodotta nella sua terra natia, cioè gli altipiani asiatici. Infine anche com’è si è svolto il processo di raccolta ed essicazione gioca un ruolo. Sono da preferire i frutti raccolti a mano con l’uso di guanti speciali ed essiccati al sole in modo tale da mantenere la loro qualità più alta.

Frutto di Goji essiccato

Come coltivare le bacche di Goji

Anche se il frutto è delicato, la pianta al contrario è capace di resistere e adattarsi a climi anche molto freddi e secchi. Per questo motivo è possibile coltivarla anche in Italia, dove se ne possono trovare delle coltivazioni dall’Alto Adige alla Calabria.
Per ottenere questo cespuglio è possibile ricavare i semi di Goji dai frutti essiccati che troviamo in negozio o in vivaio da piantine ricavate da talee o polloni radicali.
Se è piantato in vaso è importante avere un vaso sufficientemente grande. La pianta può raggiungere anche i 3 metri di altezza. Inoltre è importante evitare i ristagni d’acqua e metterlo in una posizione ben esposta al sole.

Bacche di Goji a cosa servono

Nella medicina tradizionale cinese è sempre stato un prodotto essenziale. Le sue funzioni primariamente sono:

  • antiossidante;
  • antiinvecchiamento;
  • antitumorale;
  • protezione per quanto riguarda i livelli di colesterolo, glicemia, trigliceridi, pressione arteriosa.
    La forma con la quale troviamo le bacche solitamente in commercio è essiccata, per cui è necessario considerare che alcuni nutrienti vengono persi, perché il frutto è esposto al sole e all’aria e conservato per lungo tempo perdendo così la propria funzione metabolica.

Impiego del Goji

Colazione con bacche di Goji

Attualmente questi piccoli frutti sono stati introdotti anche nell’alimentazione. Sono ottimi per uno spuntino con frutta secca o frutta fresca, a colazione nel birchermuesli oppure inseriti nelle ricette di dolci e gelati. Con queste bacche, usate fresche, si ottengono buonissimi succhi di frutta e marmellate, nonché possono essere aggiunte a fresche insalate. Per di più come composte sono da assaggiare come accompagnamento di piatti di carne o di pesce. Infine si trova anche sotto forma di barrette energetiche.

Comunque ad oggi, più che per i suoi pregi culinari, queste bacche sono apprezzate maggiormente per i loro pregi fitoterapici e nutrizionali. Per i suoi effetti sulla salute si trova anche come integratore alimentare. Oltre al suo frutto essiccato, di questo arbusto sono usate anche la corteccia, le radici e le foglie tra l’altro per decotti e infusi.

Bacche di Goji proprietà e benefici

Tra le sue caratteristiche possiamo menzionare il suo apporto di antiossidanti naturali che contrastano i radicali liberi. Oltre a rafforzare il sistema immunitario e prevenire le malattie, contribuisce a proteggere i tessuti e la pelle. Ma vediamo le sue proprietà nel dettaglio.

Proprietà nutrizionali

In riferimento alle bacche di Goji le proprietà nutrizionale di 100 gr di prodotto essiccato sono:

  • 7.5 gr di acqua;
  • 0.39 gr di grassi;
  • 14.26 gr di proteine;
  • 77.06 gr di carboidrati;
  • 45.61 zuccheri solubili;
  • 13 gr di fibre;
  • 7 mg di sodio.

L’apporto di microelementi è vantaggioso perché include il calcio, la vitamina C, il ferro ed è molto ricco di vitamina A, senza trascurare la presenza di vitamina B2 ed E, selenio, zinco e potassio.

Benefici alla salute

Gli studi scientifici svolti per definire i benefici di questi piccoli frutti asiatici sono pochi e svolti su piccoli gruppi di persone. Quindi è necessario considerare questi benefici come dei presupposti e non come dati assoluti. Il parere del medico sarà necessario per stabilire cure e rimedi.
La molecola sulla quale si sono soffermati principalmente gli scienziati è il “barbarum polysaccharides”, uno zucchero complesso utile nei processi metabolici.

Bacche di Goji fresche

I benefici ritenuti per questi frutti sono la prevenzione di:

  • diabete;
  • iperlipidemie;
  • tumori;
  • epatite;
  • problemi del sistema immunitario;
  • trombosi;
  • infertilità maschile.

Per di più questo frutto è un’amico della tiroide per il suo contenuto ricco di selenio, insieme allo iodio previene l’ipotiroidismo. Un altro beneficio è dato dal suo alto potere saziante. Ovviamente non sostituisce dieta equilibrata e attività fisica, ma mangiato prima dei pasti può essere d’aiuto nel soffrire meno la fame e di riflesso mangiare meno, quando si fa una dieta ipocalorica. È solo un alleato, ma per perdere peso, gli alleati sono sempre benvoluti.

A livello erboristico è un ingrediente per preparati ad uso oftalmico, nei prodotti energetici, di rinforzo del sangue o come tonificante per alcuni organi come fegato, polmoni e reni.

Bacche di Goji controindicazioni

È stato considerato un elisir di lunga vita, gli studi non hanno evidenziato gravi controindicazione. Tuttavia il loro impiego non è sempre adatto. In particolare in gravidanza e durante l’allattamento è necessario un consumo moderato specialmente per via del suo contenuto di selenio. Quest’elemento in dosi eccessive va evitato sia prima che durante la gravidanza.
Infine tutti conosciamo il detto “il troppo stroppia”, quindi anche se ha tanti benefici è indispensabile farne un uso moderato.